Edera, anticellulite naturale

edera-anticellulite-naturale

L’Hedera helix appartiene alla famiglia delle Araliacee. Da non confondere con l’edera terrestre è capace di vivere anche fino a mille anni. Le foglie possono essere raccolte tutto l’anno ma è preferibile farlo nei mesi di giugno, luglio e agosto quando sono più sviluppate. Dopo averle raccolte farle essiccare all’ombra e conservarle in un sachetto di carta. Attenzione poichè le foglie fresche possono irritare la pelle. L’Edera è un anticellulite naturale. Pianta sempre verde che rende i tessuti compatti, aiuta a combattere, appunto la cellulite, nota per le proprietà atte a risolvere i disturbi bronchiali, per accelerare la comparsa del ciclo mestruale, per combattere nevralgie o per favorire la cicatrizzazione delle ferite. I cataplasmi di foglie d’edera macerate nell’aceto si pensava fossero indicati per duroni e calli.E’ bene non ingerire le foglie di edera, sono tossiche. Con una manciata di foglie secche preparare un infuso con due litri d’acqua. Se usato durante il risciacquo dello shampoo i capelli risulteranno più licidi e scuri.

Dell’edera si usano sia le foglie che i rami. I rami si usano per tingere i tessuti di marrone o di giallo mentre le foglie usate in bagni o impacchi riducono i cuscinetti. le bacche invece sono da eliminare visto che sono velenose.

Le sostanze medicinali contenute nelle foglie sono le saponine, flavonoidi e acido caffeico. Gli estratti di edera applicati sulla pelle sotto forma di impacchi, pomate hanno proprietà astringenti e anti-infiammatorie che combattono cellulite e buccia d’arancia. Gli impacchi fanno bene anche contro i dolori reumatici e nevralgie. Secondo studi recenti pare inoltre che l’edera possegga proprietà battericide e che sia in grado di combattere la candida.

Rimedi contro la cellulite:

Impacchi anticellulite

Prendere una manciata di foglie fresche o due di foglie essiccate, bollire in un litro d’acqua per circa 15 minuti. Filtrare, far raffreddare e con del cotone applicare sulle zone con la cellulite. Avvolgere poi con della pellicola e attendere almeno 20 minuti. Ripetere l’operazione ogni giorno per almeno 10 giorni. Si può anche alternare con dei cataplasmi cioè una “pappetta” ottenuta con foglie frullate con due cucchiai di olio d’oliva.

Bagno snellente

Mettere a macerare per mezz’ora in un litro d’acqua bollente 200 gr di foglie di edera fresche tritate. Filtrare e versare l’infuso nella vasca piena d’acqua ma senza sapone. Immergersi per circa 15 minuti. Il decotto è ottimo anche per fare pediluvi quando si hanno i piedi gonfi.

Se non si riescono a trovare le foglie si può ricorrere all’uso della tintura madre reperinile nelle migliori erboristerie.